Seguici sui social

I Sentieri Natura del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi

Sentieri di agevole e breve percorrenza, lungo i quali sono dislocati punti di osservazione corredati di bacheche illustrative, dedicati a varie tematiche attraverso le quali conoscere il territorio, la sua storia e la natura del Parco.

Badia Prataglia (Ar): il Sentiero Natura risale la piccola e incantevole valle del torrente Archiano d’isola, rivestita da uno spettacolare bosco di faggio.  Si trova a monte di Badia Prataglia, il più importante centro abitato all’interno del Parco. Il primo tratto è percorribile anche con passeggino, poi per terminare l’anello è necessario proseguire a piedi.

 

Camaldoli (Ar): Il Sentiero Natura parte dall’abitato di Camaldoli, luogo dall’elevato valore naturale e spirituale della foresta e del millenario insediamento monastico. Protagonisti di questo percorso sono gli alberi: dalle più semplici forme di vita vegetale, per arrivare ai giganti del bosco come il castagno Miraglia. Percorribile solo a piedi, non con il passeggino.

 

La Verna (Ar): Il Sentiero Natura parte dal paese di Chiusi Della Verna, a valle della rupe dove si erge il Santuario Francescano, in prossimità del castello costruito lungo la principale via di comunicazione tra l’alta valle dell’Arno e quella del Tevere. Ciò che rende unico questo luogo è la Foresta Monumentale, le rupi calcaree e la spiritualità. Percorribile solo a piedi, non con il passeggino.

 

Campigna (FC): Con questo Sentiero superiamo i confini regionali fino ad arrivare al piccolo abitato di Campigna, nel versante Romagnolo del Parco, a pochi km dal Passo della Calla. La località è di facile raggiungimento dall’alto Casentino. Il protagonista di questo percorso è l’abete bianco Abies alba, che sintetizza mirabilmente l’elevata naturalità di questi luoghi e la presenza di testimonianze di storia millenaria. La storia che vede protagonista il maestoso albero prende avvio dai Monaci di Camaldoli, che per primi si dotarono nel 1080 di un Codice Forestale, dedicando moltissima attenzione all’abete bianco, determinando la trasformazione di estese porzioni della foresta mista di latifoglie e conifere in formazioni forestali pressoché pure: le abetine.

Per maggiori informazioni sui Sentieri Natura: trekking.parcoforestecasentinesi.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.